Menu sport


GABRIELE GRIMALDI – Due certezze risapute, una conferma assicurata e una sorpresa…inattesa! Il Foligno Calcio ha presentato il tris di top player acquistati in questa fase di mercato composto da Thomas Ventanni, Emanuele Francioni (entrambi ufficializzati in questi giorni) e ‘mister X’… Giacomo Gorini. Sono loro tre, insieme alla permanenza di capitan Petterini, i primi nomi di spicco portati alla corte di mister Armillei per puntare immediatamente alla vittoria del campionato di Eccellenza. Perchè questo è l’obiettivo che la società capitanata da Guido Tofi si è prefisso per la stagione 2018-2019, come ha ribadito lui stesso nella conferenza stampa di presentazione degli acquisti andata in scena questa mattina al Quintana Point di Corso Cavour.

Il presidente del Foligno Calcio ha fatto un bilancio della stagione scorsa (“abbiamo chiuso in modo eccellente l’anno passato dal punto di vista sportivo ed in termini economici con un risultato in linea di quanto ci eravamo prefissati all’inizio“) per dare il là al nuovo progetto che”segue il solco di quello iniziale, ovviamente adeguato e aggiornato alla nuova categoria“. La nuova stagione è stata riprogrammata con “spirito nuovo e capacità di aggregazione”  per raggiungere due obiettivi importanti:”fare bene e allargare la società a una massa di soggetti ancora maggiore“. Tofi non ha usato mezze parole per caricare l’ambiente in vista del nuovo impegno nel campionato che rappresenta al massimo livello la regione: “Abbiamo l’obbligo e il dovere morale di rappresentare degnamente Foligno nel panorama calcistico regionale e non solo, perchè l’Eccellenza è importante ed ha grande visibilità”. Il diktat di base per il mercato è chiaro: “puntiamo più sulla qualità che sulla quantità, meglio un giocatore in meno, ma che sia il top per la categoria“. Il presidente ha infine annunciato che la società si sta ampliando con il coinvolgimento sempre più stretto delle società Vis Foligno e Sant’Eraclio e che da “fine Giugno-inizio Luglio partirà la trasformazione da ASD a SRL con una quota dedicata all’azionariato popolare“.

Il direttore generale Giuseppe Feliciotti, sulla falsariga di quanto dichiarato da Guido Tofi, ha sottolineato che il Foligno sta dando continuità al progetto cominciato nell’ “anno zero“. La prossima stagione, infatti, “la sinergia con le società Vis Foligno e Sant’Eraclio sarà ancora più forte e di fatto saremo una struttura quasi unica“. Che significa? Una cosa molto semplice: “programmare meglio il settore giovanile per cercare di adeguarlo a quelle che sono le necessità negli anni avvenire, ovvero ottenere ricambi e giovani fuoriquota”.

Il ‘capo del mercato Michele Cuccagna, prima di presentare i tre acquisti, ha spiegato brevemente come sono andate le trattative per portare ciascuno di loro a Foligno: “Siamo andati abbastanza veloci perchè abbiamo ricevuto da tutti risposte immediate. Abbiamo cercato prima di tutto la volontà di venire a giocare per questa maglia e questa piazza”. E la risposta del neo trio biancoazzurro è stata positiva.

La sorpresa della mattinata è senza dubbio Giacomo Gorini, centrocampista centrale classe 1989 proveniente dal Montevarchi che ha passato l’intera carriera tra i campi della Serie D e che per la prima volta solcherà i terreni di gioco dell’Eccellenza. Il suo approdo al Foligno era stato tenuto ben nascosto fino all’ultimo minuto e è stato ‘mister X’ a rompere il ghiaccio, presentandosi al suo nuovo pubblico dopo le parole di Cuccagna. La scelta di Foligno è dipesa da un solo, fondamentale motivo: “La piazza ha avuto grande importanza e mi ha spinto a dire sì alla proposta del direttore. Il Foligno ha fatto sempre i professionisti, io non ho guardato la categoria”. Gorini, da professionista vero, è andato dritto al sodo anche con le sue dichiarazioni: “Non sono un uomo di molte parole, preferisco far parlare il campo. Sono contento della scelta che ho fatto e spero di fare bene. Voglio portare tanto entusiasmo e tanta gente allo stadio. Proveremo a vincere. Non vedo l’ora di iniziare“.

Petterini, da capitano di lungo corso, ha spiegato con tanta ironia il ‘perchè della sua scelta’: “Come mai resto? Altrimenti avrei smesso…”. L’esperto difensore mancino si è lasciato andare a qualche battuta di introduzione alla nuova annata che attende i falchi in Eccellenza: “Ringrazio tutti per la fiducia. Sono orgoglioso di essere il capitano di questa squadra . E’ un altro anno insieme. Proviamo a portare entusiasmo e a vincere il campionato. Lo sappiamo, una sola ne vince alla fine… speriamo di essere noi”. Menzione speciale ha voluto dedicare a mister Armillei, comandante di tante battaglie con cui vuole conquistare il terzo trofeo consecutivo dopo le vittorie in Promozione con Cannara e Foligno (“Sono due anni che lavoriamo insieme…non c’è due senza tre“).

Da Emanuele Francioni, attaccante classe 1986 che arriva dal Villabiagio, i tifosi si aspettano valanghe di gol, visto che due anni fa ha conquistato il titolo di capocannoniere proprio nel campionato di Eccellenza. E a lui questa pressione non fa paura: “Lo so che devo segnareE’ una responsabilità che mi fa piacere!”. Il bomber sa di “entrare in una società ed in un gruppo vincente” e di dover cavalcare l’onda attraverso il campo e la responsabilità nell’allenarsi e nel giocare” . Cosa ha provato quando il Foligno è venuto a bussare alla sua porta? Niente di particolare, se non che per lui “è come se mi avesse chiamato il Real Madrid“. Francioni ha raccontato un piccolo aneddoto personale: “Appena abbiamo concluso la trattativa, da attaccante, sono andato a cercare e vedere i gol della passata stagione…sono cose che non si vedono in altre squadre“. La promessa finale è semplice e diretta: “Non vedo l’ora di esultare e di vincere il più possibile“.

Ultimo ma non ultimo si è presentato il trequartista tutto fantasia che il Foligno stava cercando, ovvero Thomas Ventanni, prelevato dall’Angelana dove l’anno scorso ha segnato ben 9 gol. Il giocatore classe 1991 ha dichiarato che “rifiutare Foligno in questo momento è quasi impossibile“. Il sogno di Ventanni è soltanto uno: “Inutile negarlo, io e gli altri siamo venuti qua per vincere, anche se non sarà facile. Il campo è l’unica medicina”. L’ex Angelana ha chiamato a raccolta tutti i tifosi (“speriamo di portare tanta gente allo stadio affinchè ci diano una mano ogni domenica“) per “provare a costruire qualcosa di importante“. Ventanni ha infine promesso massimo impegno e si è augurato di iniziare il prima possibile (per la gioia di Petterini che vorrebbe invece godersi qualche settimana di vacanza per recuperare dalle fatiche della scorsa stagione…) e sopratutto “nel modo migliore“.

Il presidente Guido Tofi ha chiuso la conferenza sottolineando che “nelle trattative che abbiamo fatto, al di là del valore della società, è emerso il peso della città, la rappresentatività che Foligno ha nel panorama regionale”. Questo ha comportato dei cambiamenti nel modo di agire nel mercato rispetto alla passata annata “quando siamo partiti con la folignalità come elemento essenziale”, perchè ora “ci siamo ampliati, pur rimanendo nell’ambito regionale”. La differenza nella scelta dei tre top player, ha rimarcato il patron “non sono stati i soldi ma la città”  e alla città rivolge il suo accorato appello finale: “Mi auspico che dia il meglio di sè per non deludere questi ragazzi, perchè hanno fatto una scelta non sempre facile e scontata, quella di venire a Foligno. Per questo mi aspetto che la città segua la squadra. Per loro essere al Foligno può essere un punto di partenza importante”.

Francioni, Gorini e Ventanni più Petterini. E’ da loro che (ri)parte il nuovo Foligno Calcio che punta al bottino grosso: vincere subito il campionato di Eccellenza. La città è avvisata: il falco fa davvero sul serio!

IMG_1387


Gallery

IMG_1396
IMG_1394
IMG_1392
IMG_1391
IMG_1390
IMG_1387

Commenti



Editore

Associazione Anteprima

Via Nursina, 32 - 06049 Spoleto (PG)

P.IVA 02616290546

kadikoy escort bayan kadikoy escort atasehir escort maltepe escort kartal escort kurtkoy escort pendik escort izmit escort kiralik vidanjor