Menu sport


È culminata con la vittoria del titolo nazionale di raffa singolare femminile under 15 ai campionati italiani juniores di Possaccio- Verbania dello scorso week-end la straordinaria ascesa di Gilda Franceschini, bocciatrice folignate di 13 anni entrata già  prepotentemente nell’orbita della nazionale italiana.

Pur avendo approcciato questo sport soltanto a fine 2015, la giovanissima atleta, supportata dal papà/allenatore Fabio, ha subito messo in mostra innate doti tecniche e tattiche, bruciando rapidamente le tappe e portandosi ai vertici nazionali di questo sport, non soltanto nel confronto con atleti di pari categoria.
Dopo aver vinto infatti nel 2017 il titolo di combinato ai campionati italiani di Jesi dove si era presentata da giocatrice più giovane della manifestazione, Gilda, diventata portacolori della bocciofila “Città di Perugia”, ha poi inanellato una serie di risultati di assoluto prestigio come la gara nazionale categoria B-C mista organizzata dalla stessa bocciofila del capoluogo umbro e la gara provinciale senior A-B-C di Cerbara Città di Castello. Di rilievo anche i secondi posti alla competizione nazionale senior di Monturano (FM) ed a quella mista maschile/femminile di Spello.
A giugno 2018 ha iniziato a lavorare in maniera mirata per i campionati italiani , togliendosi anche la soddisfazione di trionfare nel campionato provinciale del 1 settembre scorso nella quale ha concesso soli 2 punti complessivi alle proprie avversarie nelle due gare di finale.
L’ apoteosi è stata poi domenica 9 a Verbania in una tiratissima finale contro la compagna di club Laura Picchio con la vittoria per 12 – 11 dopo essere stata anche in svantaggio per 7-4 ed aver fallito una buona opportunità sull 11-9. Ma la sua solidità mentale, sorprendente per un atleta della sua età,  le ha permesso di non scomporsi nella fase cruciale della partita e di raccogliere il punto decisivo che le ha consentito di scrivere il proprio nome nell’albo d’oro di categoria dello sport italiano.
Il clamore per le gesta sportive della Franceschini ha varcato quindi anche i confini regionali al punto che il 7 ottobre ad Ascoli Piceno le verrà consegnato il premio Marche, il “Pallone d’ Oro” delle bocce italiane,  il massimo riconoscimento a livello nazionale di questo sport.
Pur conservando la sua ormai celebre freddezza anche fuori dal campo, la ragazzina terribile non nasconde la sua ambizione: ” il mio obiettivo è quello di arrivare a vestire la maglia della nazionale e voglio allenarmi e lavorare duro per realizzarlo.  Ringrazio mio padre e la mia famiglia per sostenermi in questa avventura e lo stesso intendo fare con tutti i componenti  dello staff della bocciofila “Città di Perugia” e della Federazione che non mancano mai di farmi sentire la loro presenza nei momenti importanti”.
Il tecnico della nazionale juniores  Maurizio Mussini la conosce già bene e non mancherà di concederle la giusta ribalta….in fondo Parigi 2024, anno dell’ammissione delle bocce ai giochi Olimpici, non è poi così lontano…..
46bc2cc1-2eeb-4117-b20e-4239c9616cb6


Commenti



Editore

Associazione Anteprima

Via Nursina, 32 - 06049 Spoleto (PG)

P.IVA 02616290546

kadikoy escort bayan kadikoy escort atasehir escort maltepe escort kartal escort kurtkoy escort pendik escort izmit escort kiralik vidanjor