Menu sport


In una domenica funestata dal terremoto di Norcia il Foligno ha provato a regalarsi un sorriso e a far dimenticare ai propri tifosi il dramma che sta colpendo l’ Umbria, ma ancora una volta i Falchi devono rinviare l’ appuntamento con la vittoria. Eppure stavolta sembrava la volta buona. Avanti 1-0 alla fine del primo tempo al “Biagio Pirina” di Arzachena, una ripresa senza rischi faceva presagire la tanto attesa esultanza finale, ma i sogni di gloria li stoppa Nuvoli a una manciata di minuti dal termine. Un’altra beffa che si aggiunge alla già ricca collezione per i bianco-azzurri, che negli ultimi minuti hanno perso ben 7 punti, compresi quelli di oggi in Sardegna.
Palazzi cambia subito pelle alla squadra, optando per un quadrato 4-4-1-1 con Felleca esterno alto a destra con Merkaj a sinistra; davanti, a sorpresa, tocca a Di Maira assistito da Filippo Fondi, schierato trequartista. L’avvio del Foligno è subito aggressivo, con la squadra bianco-azzurra che prova a mettere le corde la formazione sarda: tre angoli consecutivi in avvio e un tiro di Di Maira (11’) che finisce fuori sono il risultato dei primi minuti. Dall’altra parte, al 18’, Stoppini è autore di una bella respinta su Verachi, che si rifarà vivo anche al tramonto della prima frazione (38’) con un’insidiosa incursione, che però non ha esito. Ben meglio, però, fa Filippo Fondi al 42’: il centrocampista, servito ottimamente da una sponda di Felleca, con una gran conclusione scarica nella porta di Solagna per il vantaggio del Foligno che mette il sigillo ai primi 45’ (anzi, 48’, visti i 3’ di recupero) che hanno visto i bianco-azzurri protagonisti di una bella solidità.
Solidità che si conferma anche nella ripresa, con il tecnico locale Giorico che prova a sparigliare le carte al 63’ per dare una scossa ed evitare il quarto ko di fila, inserendo Aiana e Carpentieri, mentre Palazzi risponde con l’ingresso di Enock Barwuah per Di Maira. Il Foligno però sembra gestire bene la situazione, anche se il tecnico Palazzi si fa espellere per proteste. Di fatto i bianco-verdi la porta di Stoppini non la vedono quasi mai in concreto. Il problema è che basta il minimo sforzo, per gli avversari, per riuscire a dare un dispiacere ai bianco-azzurri. Così si ripete la solita beffa all’ 88’: Nuvoli di testa piazza in rete l’ 1-1. La reazione sta nei tentativi di Silvestri e Felleca al 92’, che però risultano imprecisi. Finisce in parità. Il Foligno aveva fatto la bocca ai tre punti, ma sembra davvero una maledizione.

ARZACHENA – FOLIGNO 1-1
ARZACHENA: Solagna, D’Alterio, Mithra (32’ pt De Masi), Bonacquisti, Brack, La Rosa, Guaita, Verachi (18’ st Aiana), Oggiano (18’ st Carpentieri), Branicki, Nuvoli
A disp.: Rutzittu, Sbardella, Petrone, Mulas, Capezzuto, Sanna.
All. Giorico
FOLIGNO: Stoppini, Calzola, Pilleri, Giambi (35’ st Orecchiuto), Adamo, Seye Mame, Felleca, Catanese, Di Maira (20’ st Barwuah), F. Fondi (37’ st Silvestri), Merkaj.
A disp.: Piccheri, Bagnetti, Mancinelli, Diomande, Urbanelli.
All. Palazzi
ARBITRO: Testi di Livorno (Fais-Niedda)
MARCATORI: 42’ pt F. Fondi (F), 43’ st Nuvoli (A)
NOTE: allontanato al 25’ st il tecnico Palazzi (F) per proteste. Ammoniti Bonacquisti (A), Catanese (F), Stoppini (F). Recupero 3’ pt e 6’ st.



Gallery

14591864_1132718220110537_4872448322386603172_n
Il Foligno ci crede, ma la vittoria è ancora utopia (1-1 a Arzachena)

Commenti



Editore

Associazione Anteprima

Via Nursina, 32 - 06049 Spoleto (PG)

P.IVA 02616290546

tuzla aydinli escort Tuzla escort pendik escort kartal escort porno izle sex videolar jigolo ol