Menu sport


GABRIELE GRIMALDI – Sole alto e bollente nel cielo, Blasone strapieno di persone, voglia di continuare a sognare palpabile nell’aria.  A leggere il tabellino finale, sembra una partita simile alle altre viste finora: il Foligno che stravince con l’avversario di turno incapace di reagire allo strapotere fisico e tecnico dei falchetti. Ma non è stata esattamente così. Serviva una squadra molto matura per battere un Todi tutto ripiegato in difesa e il Foligno ha dato una ulteriore dimostrazione della sua grandissima forza, riuscendo a scardinare la ragnatela intessuta dai tuderti con una gara fatta di grande ragionamento e possesso palla. I ragazzi di Armillei, con pazienza, hanno saputo capire la partita e sferrare i colpi decisivi nei momenti giusti, sfruttando le proprie qualità.

Il clima che si respira al Blasone è intriso di emozione nel ricordare la scomparsa dell’ex presidente del Foligno Ariodante Picuti. Un motivo in più per vincere e dedicargli i tre punti. Dopo il doveroso minuto di silenzio e raccoglimento in suo onore si parte. Pronti-via e il Foligno mette a referto la prima conclusione già al 3′ con Cascianelli dalla destra che spedisce alto su servizio di Braccalenti al termine di un azione cominciata da Gjinaj. All’8′ è Agostini a sfiorare il vantaggio con un calcio di punizione deviato dalla barriera poco al di sopra della traversa. Passano 180 secondi e Gjinaj, dalla destra, serve l’accorrente Cavitolo che di prima intenzione prova la botta trovando al ferma risposta di Cozzi. Il Foligno gioca costantemente nella metà campo del Todi alla ricerca del gol del vantaggio, ma gli ospiti sono ben disposti in campo e riescono, con intelligenza e precisione, a chiudere ogni linea di passaggio, affidandosi a sterili lanci verso Tarpani per allentare la pressione. La prima occasione degli ospiti arriva al 25′ quando Storti serve Cembolini che crossa in area proprio Tarpani, il quale prova la conclusione impossibile a incrociare sul secondo palo: il risultato finale è un tiraccio ampiamente fuori dallo specchio. Ma è soltanto un episodio. Al 28′, infatti, il Foligno sfrutta il primo errore difensivo del reparto difensivo del Todi e non perdona: Cascianelli riceve palla sulla destra, si accentra, crossa di sinistro a pescare splendidamente Gjinaj sul filo del fuorigioco che lascia rimbalzare il pallone e insacca con tutta la potenza che ha. La sua esultanza rabbiosa sotto la popolatissima curva trepidante di gioia è il preludio della festa finale. Il bomber ha sete di gol e al 35′ ci riprova dalla distanza con un bel tiro deviato in corner. Tutto sembra pronto per la battuta del calcio piazzato, ma il gioco si interrompe. Un gruppo di bambini del Settore Giovanile del Foligno Calcio e di quello delle società Fulginium, Vis Foligno e Sant’Eraclio è sceso dalla tribuna coperta entrando nella pista d’atletica attorno al campo di gioco. Il regolamento parla chiaro: bisogna attendere che tutti tornino ai loro posti prima di riprendere il match. Dopo tre minuti di pausa forzata Cavitolo batte il corner e trova la spizzata di Gjinaj su cui si fionda Acciarresi che però impatta male e manca l’obiettivo grosso. L’ultima chance del raddoppio folignate capita sui piedi di Braccalenti al 45′ esatto: Biviglia ispira Cavitolo che imbecca deliziosamente l’attaccante numero 9 sul centro sinistra, il quale colpisce malissimo la sfera e spara alto da posizione favorevole. Si chiude sull’1-0. E’ il momento dei falchetti del futuro. Nell’intervallo i bambini e i ragazzi del Settore Giovanile del Foligno Calcio e di tutte le società affiliate al progetto, ovvero Fulginium, Vis Foligno e Sant’Eraclio, hanno letteralmente sfilato dentro al Blasone beccandosi l’esplosione di applausi e coriandoli della curva.

La ripresa si apre sulla falsariga dei primi 45 minuti di gioco: il Foligno tiene il pallino del gioco e del possesso palla, il Todi si chiude a riccio non lasciando spazi ai falchetti. E infatti servono ben 20 giri di orologio prima che i padroni di casa riescano a sbrogliare per la seconda volta la matassa creata dai tuderti. Agostini spacca il centrocampo con un break dei suoi, serve a sinistra l’onnipresente Cavitolo che mette dentro per Gjinaj al limite dell’area, il bomber lascia partire un destro rasoterra fortissimo che piega le mani del non impeccabile Cozzi. Il gioco è fatto, per Armillei e i suoi si tratta di gestire e, se possibile, colpire. La reazione del Todi è futile e a nulla serve una velleitaria conclusione dalla distanza di Banelli direttamente nelle mani di Roani al 22′. Due minuti dopo è di nuovo il Foligno a riprovarci: cross mal calibrato di Cascianelli da destra a sinistra, Gjinaj va sulla palla, mette in mezzo per Cavitolo che prova il piazzato ma colpisce male e debole. E’ comunque il preludio del sigillo finale. Il Todi prova il tutto per tutto e si butta in avanti in occasione di un corner (il primo della sua partita) al 26′. Brutta mossa scoprire il fianco ai…difensori di Armillei. Gjinaj intercetta la sfera e parte velocissimo, serve Cavitolo, passaggio a Cascianelli che trova liberissimo il bomber di turno…Acciarresi, che a tu per tu con Cozzi si lascia andare al delizioso pallonetto del 3-0. Il Todi stacca la spina e al 29′ è Braccalenti a sfiorare il poker di testa su assist di Toma sempre in azione di contropiede. Pochi secondi più tardi il neo entrato Seghetti prova un sussulto personale dalla distanza partendo in solitaria da metà campo fino ad accentrarsi a pochi passi dalla linea dell’area, ma il suo tiro sporca soltanto i guanti di Roani. Il Foligno potrebbe tornare a superare la soglia dei tre gol, ma al 34′ appena scoccato sciupano malamente l’ultima occasione del match: Bracccalenti dalla destra lascia partire un bel cross che taglia tutta l’area fino ad arrivare sui piedi del subentrato Gentili appostato sul secondo palo, ma l’ex Fulginium da pochi passi si lascia ipnotizzare da Cozzi che effettua un vero e proprio miracolo. La partita non ha più nulla da dire. La sesta festa dei ragazzi di Armillei insieme alla curva e a tutti i tifosi del Blasone può cominciare.

Foligno ancora imbattuto, sesta vittoria consecutiva, punteggio pieno con Roani che allunga la sua striscia di imbattibilità a 540 minuti. Note positive sono l’esordio da titolare di Baldoni, autore di una partita perfetta accanto ad Acciarresi in luogo dell’acciaccato Bucciarelli, e gli esordi assoluti dei giovani Montanari (terzino) e Riommi (centrocampista), rampolli dal futuro assicurato.

Non cambia il punteggio rispetto alle due ultime partite di campionato:tre gol segnati, altri tre punti messi in cassaforte. Il Foligno vola e mantiene salda la vetta della classifica del campionato di Promozione a più tre sull’agguerrito Viole.

 

FOLIGNO – TODI 3-0

FOLIGNO: Roani, Ziarelli, Pagliarini (dal 45′ st Montanari), Biviglia (dal 30′ st Gentili), Baldoni, Acciarresi, Gjinaj (dal 45′ st Riommi), Agostini, Braccalenti, Cavitolo (dal 27′ st Salvucci), Cascianelli (dal 27′ st Toma)

A disp: Stoppini, Federiconi

TODI: Cozzi, Ercolani, Bianconi (dal 16′ st Seghetti), Coata, Brozzetti, Lepri (dal 8′ st Avellini), Storti, Trombettoni, Tarpani, Banelli (dal 37′ st Nulli Gabbiani), Cembolini (dal 30′ st Farina)

A disp: Antonelli, Coletti, Tintillini

All: Luna o Nulla

ARBITRO: Fiorucci di Gubbio

MARCATORI: Gjinaj (F) al 28′ pt e 20′ st, Acciarresi (F) al 26 ‘st

NOTE: spettatori 700 circa (presente il Settore Giovanile del Foligno Calcio e quello delle società Fulginium, Vis Foligno, Sant’Eraclio). Ammoniti: Trombettoni (T). Angoli: 8-2. Recupero: 3’ pt, 4’ st. Osservato un minuto di raccoglimento per la scomparsa di Ariodante Picuti, ex presidente del Foligno Calcio.

 

IMG_0642


Gallery

IMG_0642
IMG_0641
IMG_0639
IMG_0638
IMG_0636
IMG_0633

Commenti



Editore

Associazione Anteprima

Via Nursina, 32 - 06049 Spoleto (PG)

P.IVA 02616290546

kadikoy escort bayan kadikoy escort atasehir escort maltepe escort kartal escort kurtkoy escort pendik escort izmit escort kiralik vidanjor