Menu sport


Inarrestabile, cattivo, volenteroso e forte. Molto, molto forte, in attacco come in difesa, letale sopratutto nelle ripartenze veloci. Il Foligno Calcio ha dimostrato tutto il suo valore anche oggi pomeriggio davanti agli oltre 300 tifosi accorsi allo stadio Enzo Blasone sfidando le avverse previsioni meteo per la prima partita casalinga del campionato di Promozione, valida per la seconda giornata del torneo. Cinque gol fatti, zero subiti, un rigore fallito e occasioni a raffica create (ma non capitalizzate) soprattutto nella ripresa. I ragazzi di mister Armillei hanno lasciato soltanto poche briciole ai malcapitati avversari dell’Atletico Orte, capaci di reggere per poco più di 20 minuti alla tremenda forza d’urto dei falchetti prima di soccombere sotto i colpi di Gjinaj, Braccalenti e Toma.

Eppure gli ospiti non erano partiti male, riuscendo a contrastare ottimamente la costruzione del gioco del consueto 4-3-1-2 di Armillei. L’Atletico Orte non ha rischiato praticamente nulla almeno fino all’8’, quando su un contropiede veloce sulla sinistra dopo un contrasto dubbio nell’area di rigore dei falchetti Cavitolo ha messo dentro un cross pericloso in area sventato da un bell’intervento di Caretti in angolo. I padroni di casa cambiano lato e cercano fortuna dalla parte opposta al 13’, ma il cross di Cascianelli sul secondo palo trova un Gjinaj leggermente in ritardo all’appuntamento col gol. Al 15’ ancora Cascianelli protagonista con un sinistro velleitario facilmente parato dal portiere dell’Atletico Orte. I minuti passano, il Foligno non trova spazi e al 22’ è Petterini a provarci dalla lunga distanza con un sinistraccio che termina ampiamente a lato. Ma la partita cambia volto al 26’: Gjinaj serve Cavitolo sulla sinistra che piazza un cross sul secondo palo trovando Braccalenti tutto solo a centro area che non deve far altro che metterla dentro col sinistro. E’ 1-0! I numerosissimi tifosi non fanno in tempo a finire i festeggiamenti che di nuovo possono gridare di felicità. Infatti passano poco più di 100 secondi e il Foligno va ancora in gol: lancio dalle retrovie di Agostini sulla destra per Braccalenti che controlla benissimo la sfera e serve l’accorrente Gjinaj, abilissimo a gestire la palla per infilarla con un preciso destro al sette. Uno-due letale che rischia di diventare tre. Al 29’ ancora il numero 7 ha un’’occasionissima per chiudere il match sfruttando l’ennesimo cross dalla destra, ma nella carambola l’attaccante non trova il guizzo vincente. L’Atletico Orte accusa il colpo e non riesce a costruire una minima azione di gioco pericolosa. Al 36’ capita anche a loro un’occasione, ma per errore di Bocciolini: lancio del portiere sulla sinistra, il terzino svrigola di testa e fa partire Cirillo che tutto solo si invola, rientra sulla destra e impegna Roani con un bel destro a giro messo in angolo dal portiere folignate. E’ soltanto una disattenzione, perché due minuti più tardi è Ziarelli a procurarsi il rigore del 3-0, tirando il pallone sulla mano di un avversario sugli sviluppi di un corner. Gjinaj si presenta dal dischetto e spiazza il portiere: palla a sinistra, Miti a destra. Cascianelli prima e Braccalenti poi provano a siglare la rete del poker tra il 42’ e il 43’, ma le loro conclusioni non hanno fortuna.

La ripresa si apre sulla falsariga della prima frazione. Il Foligno già al 4’ sfiora nuovamente il gol con una bella semirovesciata di Ziarelli sugli sviluppi di un corner che costringe il portiere dell’Atletico Orte al primo dei tanti super interventi che caratterizzano la sua partita. Un minuto più tardi è Bucciarelli a provarci sottorete sfruttando un cross da calcio di punizione di Cavitolo, ma impatta male. Al 9’ l’arbitro fischia un altro rigore per i falchetti: ancora Cavitolo inventa un bel passaggio per Gjinaj che mette dentro per Braccalenti, steso da Caretti. Lo stesso numero 9 si presenta dal dischetto, tira…parato. Un altro rigore sbagliato per lui. La squadra di Armillei continua a macinare gioco e occasioni. Al 14’ un altro lancio lungo dalla retrovie trova Gjinaj che sfida la sorte anticipando il portiere avversario in uscita con un bel pallonetto terminato alto. L’attaccante numero 7 ci riprova al 17’ con un tiro velenoso su assist di Braccalenti dalla destra costrigendo Miti ad un’altra super parata. Al 22’ è Braccalenti a provarci a tu per tu con Miti, ma fallisce una ghiotta occasione da due passi. Tra il 27’ e il 28’ il Foligno prima crea una potenziale palla gol con Gjinaj che anticipa nuovamente Miti in uscita spericolata fino al limite dell’area, poi segna il gol del 4-0 con Toma abile a infilare in rete in pallonetto sull’ennesimo lancio dalle retrovie firmato Cavitolo a scavalcare la poco attenta difesa dell’Atletico Orte. Due giri di orologio più tardi è  Bocciolini la firma del pokerissimo, ma il suo sinistro rasoterra in diagonale su servizio di Gjinaj viene messo in angolo da Miti. Al 32’ è ancora lui a salvare due volte la sua porta con un fantastico doppio intervento sugli sviluppi di un corner. Il migliore in campo dell’Atletico Orte chiude la saracinesca anche al destro Gjinaj su assist di Toma al 35’. Ancora Toma tre minuti dopo serve Braccalenti che impegna nell’ennesimo grande intervento il numero 1 avversario. Al 42’, tuttavia, l’attaccante numero 9 si riprende la sua rivincita: assist di testa di Gjinaj, gol di Braccalenti tutto solo col sinistro da dentro l’area. Al novantesimo Cirillo sfrutta un errore di Petterini per andare da solo verso la porta del Foligno, ma il suo tiro da posizione defilato non trova impreparati i pugni di Roani. La partita finisce qua.

Il Foligno Calcio ottiene i primi tre punti della stagione davanti ai propri tifosi. Con la vittoria della settimana scorsa Giove sono sei punti totali, con 8 gol segnati e zero subiti. Eppure mister Armilleli è parzialmente soddisfatto da quanto dimostrato dai suoi ragazzi in questa partita: “nei primi 20-25 minuti la partita non mi è piaciuta per niente. Non mi è piaciuto l’approccio e non sono per niente soddisfatto. Fatto il gol abbiamo fatto meglio, ma nel primo tempo complessivamente non mi è piaciuta la squadra”. La ripresa, invece, è stata giocata bene: “abbiamo giocato più da squadra, più compatti, siamo andati meglio nel secondo tempo. La squadra mi è piaciuta tanto, anche dal punto di vista del gioco”. Armillei deve ancora capire il motivo del brutto inizio di gara: “non è questione di approccio mentale, anche oggi è stato positivo. Dal punto di vista del gioco e dell’espressione del gioco non mi è piaciuta la squadra. E’ soprattutto questo, perché di approcci alla partita ne abbiamo sbagliati pochi. Se prendo la partita di domenica col Giove e quelle in casa di Coppa la squadra è entrata in campo col piede e l’atteggiamento giusto. Dobbiamo far meglio, abbiamo anche rischiato in un’occasione con un mezzo fallo dentro l’area…”. L’assenza di Iachettini può pesare: “ci mancherà, non abbiamo un ricambio. Forse cambierò atteggiamento e modulo. La rosa che ho è comunque importante, ma penso che dobbiamo trovare una soluzione al più presto. Io e la società abbiamo parlato con qualche giocatore…Iachettini prima di tre mesi è difficile che lo rivedremo. Non possiamo permetterci di stare senza attaccanti”. L’obiettivo è chiaro: “questa è una squadra che deve provare a vincere il campionato. Non possiamo sbagliare niente”. Capitolo rigorista: “ho fatto tirare Braccalenti per fargli far gol…”.

Autore di una doppietta e tra i migliori in campo, Gjinaj si è sbloccato nelle partite ufficiali e ora non vuole più fermarsi: “potevo segnare un pokerissimo, ma ci accontentiamo. Gli altri gol me li tengo per le prossime partite…”. L’attaccante è soddisfatto della partita: “come fai a non esserlo quando si vince 5-0? Va bene tutto quando si vince, anche 1-0 su autogol”. Ma anche lui ha ammesso qualche problema nel primo tempo: “il mister ci aveva chiesto di non sbagliare approccio in settimana, ma forse oggi non è stato dei migliori. Però dopo averla sbloccata la partita è stata tutta in discesa. C’è da lavorare e migliorare”. Il successo di oggi è dedicato da lui e da tutta la squadra a Iachettini: “abbiamo subito una grande perdita. Gli abbiamo dedicato una maglia con scritto ‘Caino mania’, la vittoria è tutta per lui”.

FOLIGNO – ATLETICO ORTE 5-0

FOLIGNO: Roani, Ziarelli, Bocciolini (dal 31’ st Giabbecucci), Biviglia (dal 12’ st Salvucci), Petterini, Bucciarelli (dal 12’ st Acciarresi), Gjinaj, Agostini (dal 25’ st Gentili), Braccalenti, Cavitolo, Cascianelli (dal 19’ st Toma)

A disp: Stoppini, Federiconi

All: Armillei

ATLETICO ORTE: Miti, Brunotti (dal 23’ st Nieddu), Coletta, Rampiconi, Trequattrini (dal 19’ st Forini), Caretti, Scappiti, Giacchetti (dal 1’ st Tripodi), Caterini (dal 25’ st Tamburini), Cirillo, Campisi (dal 12’ st Marchionne)

A disp: Carrino, Mariani

All: Mari

Abitro: Carpigna di Gubbio

Marcatori: Braccalenti al 26’ pt, Gjinaj al 28’ pt, Gjinaj al 40’ pt, Toma al 28’ st, Braccalenti al 42’ st

Note: Braccalenti (F) fallisce un rigore al 10’ st; ammoniti: Trequattrini, Brunotti, Rampiconi (AO); spettatori: 350; recuperi: 1’ e 3’. Osservato un minuto di raccoglimento in memoria delle vittime dell’alluvione di Livorno.

21706722_1644190282282514_1324700981_o


Gallery

21706722_1644190282282514_1324700981_o
21684228_1644190215615854_496422302_o
21057718_1644190182282524_1694837146_o
21767304_1644190102282532_415683480_o
21767066_1644190228949186_574778822_o

Commenti



Editore

Associazione Anteprima

Via Nursina, 32 - 06049 Spoleto (PG)

P.IVA 02616290546

kadikoy escort bayan kadikoy escort atasehir escort maltepe escort kartal escort kurtkoy escort pendik escort izmit escort kiralik vidanjor