Menu sport


GABRIELE GRIMALDI – Cortina d’Ampezzo 1956, Roma 1960 e Torino 2006. Le fiaccole olimpiche delle tre Olimpiadi (due invernali, una estiva) che si sono disputate in Italia sono arrivate alla Sala dei Gonfaloni del Comune di Foligno. Con loro, per la prima volta in assoluto, sono ‘uscite’ dalla sede del CONI anche le rispettive medaglie d’oro, d’argento e di bronzo.

Questa mattina il presidente CONI dell’Umbria Domenico Ignozza ed il sindaco Nando Mismetti hanno dato il via alla settimana di esposizione di questi preziosi cimeli olimpici tagliando anche il nastro inaugurale della bella esposizione fotografica intitolata “L’emancipazione femminile attraverso i Giochi Olimpici” che si terrà presso i locali dell’ex Teatro Piermarini a Corso Cavour.

Il numero 1 dello sport umbro ha preso la parola per spiegare quanto sia importante lo sport a Foligno: “Questa città tiene in modo particolare allo sport, non solo per i grandi eventi, ma sopratutto per la sensibilità che l’amministrazione sta ponendo verso i giovani. Questo va riconosciuto a Foligno”. Ignozza ha elogiato l’operato del sindaco e del movimento sportivo folignate perchè “si stanno facendo cose egregie e sono convinto che altrettanto si può fare con qualche aggiustamento alle infrastrutture”. Foligno ha ospitato tantissimi eventi sportivi di assoluto rilievo in questi ultimi mesi, eventi che hanno trainato il movimento sportivo nostrano non solo dal punto di vista prettamente agonistico, ma, come ha evidenziato il presidente Coni, anche dal punto di vista della promozione della città e della forza che le società sportive in primis hanno acquisito per proporsi e continuare a lavorare.

Tre fiaccole e tre medaglie, un “regalo che il presidente Malagò ha voluto fare alla città di Foligno”, ha spiegato Ignozza, “omaggiandola di una cosa unica fino a questo momento: le medaglie escono per la prima volta dal CONI!”.  I preziosi cimeli olimpici non sono semplici oggetti da osservare con curiosità, ma simboleggiano “un mondo di valori e sacrifici, un credere dove nessuno osa e un intero movimento sportivo che tutti i giorni si mette in moto per dimostrare che si può fare bene e di più seguendo proprio i valori dello sport”.

Il presente dello sport folignate è di ottimo livello, ma il vertice del CONI regionale ha dedicato una battuta anche sul futuro dello sport nella nostra città, augurandosi che “da Foligno possa iniziare una nuova cultura dello sport dove i nostri giovani, rifacendosi a quei valori, apprendano che dalle sconfitte si rinasce sempre migliori” e sopratutto “a non pensare solo alle vittorie e ai campionati, ma a creare più società sportive e più sicurezza negli impianti” in modo tale da “far avvicinare più giovani allo sport“.

Il sindaco Mismetti ha annunciato la Festa dello Sport del prossimo 30 Giugno che vedrà Foligno protagonista dello sport in ogni sua piazza con tanti ragazzi e ragazze che daranno vita ad un grande spettacolo dilettandosi in molte discipline diverse (il programma al seguente link: http://folignosport.it/foligno-30-giugno-la-festa-dello-sport-programma/ ).

Il primo cittadino ha messo il luce il fatto che “noi crediamo nello sport come crescita della comunità in tempi in cui c’è una crisi di valore e d’identità ed in cui bisogna ripartire dai giovani“. E’ dal rapporto giovani-sport, ha detto Mismetti, che deve iniziare il punto di svolta, perchè “lo sport è sacrificio, è stare insieme, è solidarietà, è relazioni con gli altri che permette di costruire quegli anticorpi per affrontare le sfide della vita di tutti i giorni“. Il sindaco ha espresso tutta la sua personale soddisfazione per “il mondo associativo, composto da dirigenti e allenatori che giorno per giorno fanno crescere migliaia di ragazzi”. “Non arriviamo più a dare i premi”, ha scherzato Mismetti in riferimento a tanti successi individuali e di squadra ottenuti dal mondo sportivo folignate, e questo accade perchè “dietro c’è una lavoro di anni che porta all’eccellenza. Veder crescere lo sport è per noi l’unica soddisfazione”.

Sono due le promesse che il sindaco ha fatto pubblicamente nella Sala dei Gonfaloni prima di chiudere la conferenza stampa: la pista d’atletica ed un palazzetto sportivo nuovo.

Per la pista, ha detto Mismetti,“siamo avanti con il percorso e dovremmo chiudere“. Il motivo che lo spinge ad affrettare i tempi per regalare alla cittadinanza un nuovo circuito lo spiega lui stesso: “oggi correre è uno stile di vita. Alle cinque della mattina si ritrovano tanti uomini e donne che prima di andare a lavorare vanno a fare ‘stile di vita’ e questo vuol dire che il binomio sport-salute è entrato nella cultura della città”.

Il palazzetto dello sport, ha infine spiegato il primo cittadino, nasce dall’esigenza di dare uno spazio a tutte le realtà sportive di Foligno che devono allenarsi ogni settimana e sopratutto per evitare situazioni spiacevoli come “sacrificare per alcune settimane alcuni sport” che devono prepararsi per le proprie partite per ospitare al Palapaternesi una grande manifestazione, come accaduto, per esempio, durante i campionati di danza. Il nuovo impianto, ha annunciato Mismetti, “sarà al Foro Boario, dove sorgerà il nuovo polo scolastico che ospiterà palestre per le scuole e per la varie società”.

La lunga settimana che porta Foligno alla Festa dello Sport è appena cominciata!

 

IMG_1441


Gallery

IMG_1445
IMG_1444
IMG_1443
IMG_1442
IMG_1441
IMG_1438
IMG_1437
IMG_1436

Commenti



Editore

Associazione Anteprima

Via Nursina, 32 - 06049 Spoleto (PG)

P.IVA 02616290546

kadikoy escort bayan kadikoy escort atasehir escort maltepe escort kartal escort kurtkoy escort pendik escort izmit escort kiralik vidanjor