Menu sport


Prima il dovere, poi i convenevoli. Mario Palazzi, dopo aver guidato il Foligno nella sua “prima” a Arzachena, è stato presentato ufficialmente. Il tecnico, ex secondo di Cosmi a Perugia, Palermo e Udine (tra le tante) è l’uomo scelto dal presidente Gianluca Ius per cercare di risollevare il Foligno, atteso nel prossimo mese e mezzo da tanti scontri diretti fondamentali: «La scelta di Mario Palazzi è una vera svolta nella gestione – ha detto il numero uno bianco-azzurro -. Si tratta di una persona di grande esperienza, che darà una mano non solo a livello tecnico ma anche di gestione della società. Basta scetticismo, abbiamo fatto tanto qui a Foligno. Ribadendo la massima stima in Tommaso Guazzolini, posso dire che la scelta di Palazzi è molto importante e per questo la società merita fiducia». Una battuta di Ius anche sulla nascente società, Folignalità: «Devono prendere una posizione, chiarire se sono dalla nostra parte o no». Si passa poi, ovviamente, a Mario Palazzi, accompagnato dal suo staff: il vice Vittorio Marini e il preparatore atletico, il prof. Luigi Doti. Il nuovo allenatore dei Falchi, dopo il pari di Arzachena, sembra ancora più convinto della propria scelta di sposare la causa del Foligno: «Ovviamente un ringraziamento al presidente e alla società. E’ stato dopo che ho parlato con il presidente che mi è scattato lo stimolo di venire qui. E’ stato fondamentale vedere in lui tanto entusiasmo. Arrivo in una piazza molto importante, dove si può iniziare un progetto a medio-lungo termine. Ritengo ci siano ampi margini di miglioramento, ma serve tempo ovviamente per valutare tutto, anche in ottica mercato. Con il mio staff e la società voglio costruire un grande percorso, degno di questa città». Che idea si è fatto dei problemi che hanno portato il Foligno ad essere ultimo in classifica con 4 punti in 9 partite e senza nemmeno una vittoria? «Ho visto la squadra due volte, con la Nuorese e con il Grosseto. Penso si sia persa autostima. La squadra non aveva segnali di reazione a un certo punto. Per questo bisognerà prima di tutto ricostruire l’aspetto psicologico e morale prima di intervenire a livello tecnico, dove evidentemente qualcosina manca: ho visto un gruppo un po’ dimesso. La prima gara? Un pareggio fuori casa con una squadra con l’ Arzachena mi è sembrato più che buono: inizialmente eravamo contratti, ma poi avremmo meritato anche la vittoria. Sono uscito dal campo contrariato perchè dovevamo mettere i punti nel cassetto. La squadra non ha avuto la maturità per spegnere gli avversari. Il modulo? Devo vedere il materiale umano a disposizione. Il 3-5-2? Ripeto, devo valutare le forze a disposizione; con il presidente ci siamo riproposti di intervenire sul mercato. Servono dei correttivi». Possibile intanto che si prosegua con il 4-4-1-1. Intanto, nelle prossime ore potrebbe arrivare in prova qualche svincolato, anche con un pedigree importante. Infine: per quanto riguarda il consulente di mercato, se alla fine dovesse arrivare, si parla del procuratore Paolo Cangi come nome possibile.



Gallery

img-20161101-wa0000
Foligno, presentato il neo-tecnico Palazzi: “Bisogna intervenire prima psicologicamente”

Commenti



Contatti

Redazione: info@folignosport.it

Telefono: 327 6810142

Folignosport su Facebook

Editore

Associazione Anteprima

Via Nursina, 32 - 06049 Spoleto (PG)

P.IVA 02616290546

tuzla aydinli escort Tuzla escort pendik escort kartal escort porno izle sex videolar jigolo ol