Menu sport


Il palazzetto della ritmica sarebbe il sogno, “ma già avere una struttura a completa disposizione per allenarsi tre, quattro ore al giorno consecutivamente potrebbe dare quella spinta necessaria per competere con le migliori a livello nazionale”. Paola Menicacci, presidente e anima della SGD Fulginium, lancia una sorta di appello al mondo dello sport e delle istituzioni, reclamando una palestra che possa ospitare in maniera stabile le sue atlete e permettere loro di prepararsi al meglio per competere nel mondo della ginnastica italiana. La richiesta di una struttura ad hoc arriva all’indomani dei Campionati nazionali di specialità, categoria junior e senior, che si sono svolti lo scorso fine settimana a Fabriano. Un appuntamento chele atlete della società folignate hanno onorato al meglio dando prova di poter competere con le migliori e il 4˚ posto assoluto di Giulia Ricci, che si è esibita con la palla, ne è stata la dimostrazione. E bene si sono comportate anche le altre quattro ragazze che sono scese in pedana come le junior Emma Ducci (cerchio) e Federica Castiglionesi (clavette) e le senior MargheritaFusaro (fune e cerchio) e Bianca Savini (cerchio – clavette). “Questo sport – spiega la Menicacci – per raggiungere risultati competitivi nell’alta specializzazione, ha bisogno di poter svolgere i propri allenamenti in strutture che abbiano come minimo un’altezza di oltre sei metri, dove si possano svolgere allenamenti giornalieri di molte ore ciascuno. Approssimativamente, all’interno di ogni allenamento, si deve dedicare un’ora alla preparazione fisica, un’ora al lavoro di coreografia, un’ora al lavoro tecnico specifico ed un’ora al lavoro sulla musica”. Ma questo a Foligno non è possibile. “Purtroppo – aggiunge la presidente – le strutture del Comune non permettono questo perché le palestre sono poche e le esigenze dei vari sport sono molte. Più di due ore consecutive non si riesce ad avere, sia presso la palestra di porta Todi, che è l’unica che abbia un soffitto alto oltre sei metri, che presso la palestra dell’Istituto tecnico commerciale. Questa situazione – conclude la Menicacci -non ci permette di competere ad armi pari rispetto a società di altre regioni che hanno la possibilità di avere palazzetti a propria disposizione per molte ore, concessi dalle istituzioni o da privati. E’ un rammarico perché è già un sicuro successo avere delle ginnaste ammesse a gareggiare in competizioni nazionali, ma al tempo stesso si deve constatare che con un lavoro più approfondito e ampio i risultati potrebbero essere decisamente migliori”.

Fonte: Corriere dell’Umbria 22 aprile 2016

fulginium_spoleto


Commenti



Editore

Associazione Anteprima

Via Nursina, 32 - 06049 Spoleto (PG)

P.IVA 02616290546

kadikoy escort bayan kadikoy escort atasehir escort maltepe escort kartal escort kurtkoy escort pendik escort izmit escort kiralik vidanjor