Menu sport


Alice Bisaccioni firma una serie di prestazioni straordinarie nelle gare dei Campionati Italiani di Categoria 2017, in svolgimento a Terni presso il Palatennistavolo dal 3 al 18 giugno. L’atleta aretina, che è tornata alle competizioni in questa stagione con il Tennis Tavolo Valle Umbra dopo una sosta di oltre 10 anni, è partita subito molto bene con la prima gara in programma, il Doppio misto Quinta Categoria. In coppia con il laziale Giacomo Felici (Tennistavolo Monterotondo) sono partiti come teste di serie n°1 del tabellone e non hanno lasciato scampo a tutti gli avversari affrontati nel tabellone ad eliminazione diretta. Rapidi e netti 3-0 a Sergio Roncelli e Valentina Milano (TT Stella del Sud), poi ad Aldo Belmonte e Monica Crispo (Tennistavolo Cosenza). Nei quarti ancora 3-0 ad  Augusto Lamoratta e Tatiana Venderev (Cus Bergamo) così come in semifinale con Ferdinando Rossi (Tennistavolo San Polo) e Cati La Monica (Fortitudo Tennistavolo). La legge del 3-0 è valsa anche nel match per la medaglia d’oro e Felici e Bisaccioni non hanno lasciato scampo (11-4, 11-8, 11-8) a Giacomo Sernesi (Tennistavolo San Polo) e ad Elisa Maccabelli (TT Silver Lining), che avevano fermato in semifinale la corsa di Attilio Serti (Stet Mugnano) e Teresa D’Ercole (Tennistavolo Città dei Sassi).

Nella stessa giornata, il 7 giugno, Bisaccioni ha mancato per un soffio la doppietta nel doppio femminile dove era in coppia con Elisa Maccabelli (TT Silver Lining), già finalista nel misto. A sbarrarle la strada sono state la grande voglia di emergere e la capacità di lottare del giovanissimo doppio composto da Teresa D’Ercole (Tennistavolo Città dei Sassi) e Elettra Valenti (Milano Sport), che si sono imposte per 3-2 (5-11, 11-9, 10-12, 11-9, 11-9) ed hanno già esordito nelle nazionali giovanili azzurre. D’Ercole e Valenti hanno superato in semifinale per 3-1 (11-8, 10-12, 11-6, 11-9) Nicoletta Criscione (TT Vittoria Resurrezione) e Giulia Palmisano (TT Himera G. Randazzo), mentre Bisaccioni e Maccabelli nei quarti hanno dominato (11-7, 11-5, 11-2) Isotta Caiani (Polisportiva Borgo San Pancrazio) e Martina Gibellato (Duomofolgore Treviso) ed in semifinale non hanno avuto problemi (11-6, 11-5, 11-3) contro le lombarde Beatrice Pusineri e Roberta Perego (TT Silver Lining). La gara principe, però, resta il singolare, che vede la sua conclusione il giorno seguente, l’8 giugno: anche in questo caso Bisaccioni partiva con i favori del pronostico essendo la n°1 della classifica e non sbaglia davvero nulla.

Il suo cammino nel girone eliminatorio e poi nel tabellone è stato lineare e  veloce: solo nell’ultimo atto ha dovuto faticare superando per 13-11, 11-9, 11-9 Teresa D’Ercole (Tennistavolo Città dei Sassi), anche lei grande protagonista in tutte le gare di questa categoria, che ha offerto una notevole resistenza e lottato fino alla fine in ogni set per cercare di ribaltare l’esito dell’incontro. Bisaccioni in semifinale ha sofferto solo nel primo set (13-11, 11-3, 11-3) per aver ragione di Nicoletta Criscione (TT Vittoria Resurrezione) mentre nei quarti ha ceduto l’unico parziale di giornata, superando per 3-1 (7-11, 11-6, 12-10, 11-5) Roberta Perego (TT Silver Lining). La D’Ercole invece nel penultimo turno è stata rimontata da 2-0 e 2-2 e ha prevalso al quinto (11-4, 11-6, 9-11, 9-11, 11-7) su Matilde Campanelli (Tennistavolo Senigallia) dopo averla spuntata alla “bella” anche nei quarti (6-11, 11-6, 11-9, 9-11, 11-5) per eliminare Elettra Valenti (Milano Sport).

Il 10 giugno hanno invece preso il via le gare della Quarta Categoria, sempre con i doppi ad inizio programma. Nel doppio misto è sceso in campo il duo composto da Alice Bisaccioni e la bandiera folignate Alessandro Marzi (Tennis Tavolo Valle Umbra), accreditati della testa di serie n°2 del tabellone. E’ stato spedito il loro cammino fino alle semifinali, dove  hanno prevalso per 3-1 (12-10, 14-16, 11-3, 11-9) sulla coppia composta da Costantino Cappuccio (Pongistica Messina) e Svetlana Polyakova (Polisportiva Mar.Cos.), mentre nella parte alta del tabellone il duo pugliese composto da Antonio Giordano e Celeste Leogrande (TT Ennio Cristofaro) hanno superato in rimonta al quinto set (6-11, 8-11, 11-5, 11-7, 11-6) Alessandro Tini (Tennistavolo San Polo) e Martina Riganti (Tennistavolo Gallarate). La finale è stata all’insegna dell’equilibrio e per un soffio è girata a favore dei pugliesi, capaci di rimontare due volte un set ai più esperti avversari, prima di chiudere la contesa con un perentorio 11-5 finale. Il giorno dopo è stata la volta della gara di singolare, che si prospettava più complicata per l’aretina, che partiva dalla 7° posizione del ranking ma che è riuscita, con un crescendo di intensità e determinazione, a centrare il 2° titolo tricolore di singolo e terzo in totale.

L’ultima ad arrendersi è stata l’emergente talento piemontese (solo 11 anni) Anastasia De Costanzo (Tennistavolo Torino), che ha ceduto con l’onore delle armi per 3-1 (13-11, 12-10, 5-11, 11-9) alla esperienza e alle variazioni di Bisaccioni che conquista così il suo quinto podio tricolore in questa edizione dei Campionati. Nel primo set sono stati necessari tre set-point per chiudere il parziale, ma probabilmente decisivo, nell’economia dell’incontro, è stato il secondo: De Costanzo si è trovata avanti 9-5 e poi 10-8, ma Alice ha piazzato una serie di 4 punti consecutivi che hanno fruttato un prezioso e fondamentale 12-10 in suo favore. Terzo parziale a senso unico, con De Costanzo che prende il largo sfruttando un passaggio a vuoto dell’avversaria, chiudendo 11-5. Quarto set con Bisaccioni che parte meglio, subisce poi il sorpasso della torinese sul 9-8 ma reagisce e chiude con grande lucidità alla prima occasione, firmando l’11-9 finale che le permette di alzare le braccia al cielo. In semifinale la vincitrice ha avuto la meglio su Martina Zanelli (Tennistavolo Vallecamonica) recuperando per due volte un set di svantaggio e vincendo piuttosto nettamente alla “bella” (8-11, 11-6, 8-11, 11-4, 11-3) mentre De Costanzo ha rimontato da 0-2 e 0-5 nel terzo set e si è imposta al quinto (6-11, 5-11, 11-9, 11-7, 11-9) sulla favorita numero 1, la lombarda Arianna Magnaghi (Tennistavolo Morelli).

Le gare di Terza Categoria terminate ieri hanno visto ancora in campo l’atleta aretina, che però in questa occasione non è riuscita a superare il girone eliminatorio pur dimostrando di potersela giocare con avversarie ora più quotate in classifica. Nel primo incontro Alice ha affrontato un’altra toscana, l’azzurrina Chiara Rensi (T.T. D.L.F. Poggibonsi), che ha dovuto sudare le proverbiali sette camicie per portare a casa con una rimonta vincente la partita, conclusasi solamente al quinto set per 11-9. Nel secondo confronto, contro la campana Sara Messina (Pol. G. Frassati),qualche errore di troppo ha inciso in favore della Messina, più efficace nei momenti decisivi, che ha vinto in 4 parziali (11-4, 10-12, 11-7, 11-8). L’ultimo match del girone ha visto l’aretina confrontarsi con la testa di serie n°8, Irene Favaretto (A.S.D. T.T. Vallecamonica), che si è aggiudicata in tre set il confronto, che è stato tuttavia abbastanza equilibrato ed in cui Alice ha avuto delle chances (non sfruttate) di poter far girare il match in proprio favore.

Il tecnico del Tennis Tavolo Valle Umbra John Ippoliti, commenta così queste gare: “Facendo un bilancio di questi Campionati Italiani, non possiamo che partire da Alice e dai suoi splendidi risultati. Cinque medaglie di cui tre titoli tricolori (e tra queste due individuali, che “pesano” di più) sono lo specchio del suo valore. Il merito maggiore è di gran lunga il suo e dei tecnici che l’hanno formata in passato. Siamo convinti che potrà già nella prossima stagione essere tra le protagoniste della Terza Categoria, oltre che della squadra di serie B femminile, su cui abbiamo concentrato la nostra attenzione e le nostre limitate risorse. Sarà necessario impostare diversamente, in maniera più personalizzata, il lavoro da svolgere in allenamento e ci stiamo attrezzando per questo. Meritano una citazione le buone prove di Valeria Loreti e Tommaso Bevilacqua, che hanno dimostrato dei miglioramenti chiari a livello di gioco che poi portano i risultati. Infine, un plauso particolare ad Alessandro Marzi, che ha conquistato l’argento nel doppio misto con Alice e ha avuto un sorteggio non proprio felice nel singolo, dove comunque ha dimostrato le sue capacità e poteva certo arrivare più avanti. Le sfide per la nuova stagione sono ormai lanciate, come sempre speriamo di fare bene, anche se sappiamo che non sarà facile. Grazie al lavoro tecnico insieme a Pietro Capputi rilanceremo l’attività nelle nostre due sedi di Perugia e Foligno, con particolare attenzione al settore giovanile oltre che, come detto, al settore femminile”.

 

1

2

3

4

5

5


Gallery

5
4
3
2
1

Commenti



Editore

Associazione Anteprima

Via Nursina, 32 - 06049 Spoleto (PG)

P.IVA 02616290546

kadikoy escort bayan kadikoy escort atasehir escort maltepe escort kartal escort kurtkoy escort pendik escort izmit escort kiralik vidanjor