Menu sport



Lunedì 1 aprile, nell’ambito del progetto “Camminare Insieme” si sono svolti gli allenamenti di minibasket tenuti dall’Istruttore federale Fabio Bagni. Il Progetto ha interessato quattro dei sei gruppi dell’UBS Foligno Basket: gli allenamenti sono iniziati alle 15 con il gruppo Esordienti (nati 2007) per proseguire con il gruppo Scoiattoli (nati 2010 e 2011) poi il gruppo Aquilotti (2009) ed infine gli Aquilotti (2008).
Grande partecipazione da parte dei bambini e di molti genitori che hanno seguito con interesse le lezioni. Ovviamente presenti tutti gli Istruttori (Antonio Savoia, Lorella Cesaretti, Debora Cascioli, Lucia Lucidi, Luca Mariotti, Marco Foglietta) ed il Presidente, nocche coach della serie C Gold, Andrea Sansone.
L’Istruttore Bagni si è meravigliato nel vedere così tanti bambini nei vari gruppi, infatti, nonostante qualche assenza, hanno partecipato circa 100 minicestisti.
Gli allenamenti proposti miravano a diffondere l’attuale modello di minibasket (neo-cognitivo ) che vede il bambino protagonista del processo di formazione; in tale modello i fondamentali del minibasket vengono utilizzati per sviluppare gli schemi motori di base, le capacità  motorie e le capacità  senso percettive.
L’istruttore federale ha fatto i complimenti ai responsabili riconoscendo che il lavoro fin qui effettuato da tutti gli istruttori è assolutamente in linea con il modello suddetto.
Fabio Bagni, nonostante quasi tre ore di viaggio, ha proposto quattro lezioni con grande entusiasmo e, ovviamente competenza. L’obiettivo motorio/funzionale dominante  delle proposte è stato il “vedere” e l’attenzione”, requisiti fondamentali per il “riconoscere” e quindi in futuro prevedere, scegliere e trasformare le proprie azioni di gioco; oltre a sviluppare questi requisiti, fondamentali per un futuro giocatore di basket, la finalità di tutti gli allenamenti è stata quella di sollecitare sempre più il senso di autonomia, responsabilità e competenza che non solo saranno utili nella carriera sportiva, ma soprattutto nella vita come futuri cittadini.



Commenti