Menu sport



GABRIELE GRIMALDI – E’ lo sfortunato protagonista della partita contro il Flaminia, nel bene e nel male, a metterci la faccia. Lui, folignate doc in cui scorre il sangue biancoazzurro del Foligno Calcio.

Filippo Fondi prova ad indicare la strada da seguire per lasciarsi indietro questo brutto momento e guardare avanti: “Da questa situazione si esce non drammatizzando più di tanto. La squadra è viva e non dobbiamo abbatterci. Il campionato è livellato e basta vincere o perdere una singola partita per fare un balzo in avanti o indietro. Bisogna fare tesoro degli errori che abbiamo commesso e impegnarci, a testa bassa, senza sentire nessuno”.

Il centrocampista autore di un gol e di un autogol nella stessa gara non nasconde un po’ di delusione per il risultato: “Il primo tempo è stato brutto e abbiamo compromesso la partita. Sono molto amareggiato, ma del secondo non ho nulla da rimproverare. Siamo scesi in campo col piglio giusto, abbiamo accorciato le distanze e abbiamo avuto diverse occasioni per pareggiare la partita dopo l’1-2, ma non le abbiamo sfruttate“.

Fondi ripercorre il momento del suo autogol: “E’ stato un episodio sfortunatissimo: palla spizzata dall’ex Fapperdue, sbatte sul mio stinco e va pianissimo in porta… se Miccio non fosse scivolato sul terreno l’avrebbe presa ad occhi chiusi. Purtroppo in questo momento non ci dice bene. Se non subiamo quel gol la partita la pareggiamo tranquillamente. Forse per quello che si è visto sarebbe stato il risultato più giusto“.



Commenti