Menu sport



GABRIELE GRIMALDI – “La rosa è completata, Armillei può finalmente dormire sonni tranquilli“. Il presidente Guido Tofi ha aperto in modo scherzoso l’ultima conferenza stampa di presentazione dei nuovi acquisti del Foligno Calcio.

Il duo Arras-Settimi, ultimi colpi della campagna acquisti biancoazzurra, sono stati presentati al Blasone insieme a Fiki, pochi minuti prima del fischio d’inizio dell’amichevole col Flaminia.

Il patron folignate ha fatto il riepilogo del calciomercato ‘offensivo’ dei falchi “Sapevamo che c’era un posto vuoto da riempire davanti, visto che Armillei aveva chiesto 2 attaccanti di ruolo. Cuccagna da molto tempo era sulle tracce di un attaccante che corrispondesse alle esigenze chieste dal mister, e questo attaccante era proprio Arras. Viene da lontano sia geograficamente che sportivamente e siamo contenti che abbia scelto Foligno. Siccome è l’unico ragazzo sardo in rosa, come città dobbiamo accoglierlo in modo diverso rispetto a tutti gli altri, per farlo sentire a casa e aiutarlo a vincere la scommessa di fare cose importanti a Foligno

Oltre ad Arras, è arrivato Settimi a chiudere il mercato: “Dovevamo anche completare il discorso fuoriquota cominciato a fine Maggio, quando programmammo di creare una rosa composta da 10 over e 12 under. Abbiamo trovato un ragazzo che viene da Perugia, Tommaso Settimi, e Ohtmane Fiki, che arriva dal nostro settore giovanile. Ribadisco che per me i fuoriquota faranno la differenza con la loro qualità, la capacità di sacrificarsi e di entrare nella turnazione che farà il mister“.

Stefano Fabiani ha presentato Arras: “E’ giovane, veloce e impressiona per come salta l’uomo. E’ l’attaccante che serviva per completare un reparto importante e dare concretezza in avanti, perchè in Serie D le difese sono quasi tutte saracinesche. Il mister deciderà se utilizzarlo dall’inizio o alternarlo con i titolari. La Sardegna è gente di grande cuore e ha deciso di ‘arruolarsi’ per il Foligno in quest’anno in cui vogliamo provare a fare un’impresa col cuore“.

E’ stato l’attaccante classe 1998 cresciuto nella Primavera della Juve il primo a presentarsi: “E’ bello sentirsi così acclamati e voluti bene, per me è importante. Noi sardi siamo popoli di cuore e andare via dalla Sardegna è stato un po’ un peso, ma ora sono contento di essere qua. Avevo diverse proposte, ma quella del Foligno è stata la più interessante: mi hanno parlato di un progetto importante e ho deciso di venire qua per fare un campionato di livello. Voglio rilanciarmi e dare tanto al Foligno che ha creduto in me. Negli due anni ho avuto diversi infortuni e poche opportunità: voglio che questo sia il mio anno e non voglio deludere Foligno e i tifosi. Speriamo di poter realizzare quello che sogniamo tutti quanti e fare un’annata di livello. Durante il campionato sapremo dove possiamo arrivare…io voglio riportare in alto il Foligno e tornare a sognare”.

Nicola Settimi ha presentato il nuovo centrocampista Tommaso Settimi: “Stava a Perugia, ma viene da Sant’Eraclio… E’ cresciuto calcisticamente a Foligno, poi ha fatto tutte le trafila delle giovanili del Perugia e l’anno scorso è stato capitano della Primavera. E’ da Giugno che speravamo che tornasse e ora siamo contenti che sia tornato. Ha deciso tutto da solo, quando ormai avevamo perso le speranze…”.

Classe 2000, il folignate ex Perugia ha mostrato subito grande voglia di imporsi: “. Sono contento e parto per fare il meglio possibile: darò tutto me stesso. Il progetto è di livello e ambizioso e spero di trovarmi bene per mostrare tutte le mie qualità. Vorrei fare un campionato di livello che mi porti a crescere umanamente e calcisticamente. Ho visto l’ambiente e sono sicuro che potremmo toglierci molte soddisfazioni”.

Pino Feliciotti ha presentato Fiki: “E’ cresciuto a Foligno, viene dal progetto C4-Nuova Fulginium degli anni passati. E’ tornato dopo essere stato a Perugia e devo ringraziare Armillei perchè lo ha fatto diventare un giocatore vero: il mister l’anno scorso lo andava a prendere a casa e lo riportava. L’umiltà di un allenatore che vuole vedere le qualità di un giocatore rappresenta quello che è il Foligno Calcio. L’anno scorso Fiki si è diviso tra Allievi, Juniores e Prima Squadra e ha fatto…il triplete, perchè ha vinto tutti e tre i campionati“.

Fiki ha parlato da vero falchetto: “Ringrazio Armillei che l’anno scorso mi ha fatto crescere calcisticamente dandomi l’opportunità di stare in Prima Squadra. Il mio pensiero va alla gente di Foligno: per me che sono nato qui è speciale. Credo in questo progetto…forza falchi!“.

Il patron Tofi ha chiuso definitivamente il cerchio: “I tifosi stanno facendo un grande lavoro per coinvolgere le persone. Mi auguro che la città sia intorno alla squadra e manifesti interesse per questo progetto: ce l’abbiamo messa tutta!“.



Commenti