Menu sport



Cantano “la capolista se ne va” calciatori e tifosi del Foligno dopo la vittoria in casa dell’Assisi Subasio. Il 2-1 in rimonta contro un avversario scorbutico e in grande forma vale infatti l’allungo in classifica a +8 sul Lama a sei giornate dal termine. Insomma, un successo d’oro ottenuto con grande forza di volontà.

Una partita molto scorbutica per i Falchi contro un avversario reduce da 10 risultati utili di fila. La sensazione è che i bianco-azzurri, quando attaccano, possono far male. Nella prima frazione vengono fuori alcune mischie molto interessanti ed insidiose, ma non ne esce nulla di concreto per Catarinelli. L’Assisi Subasio fa il suo, giocando con determinazione. Anche i padroni di casa però non riescono a farsi vivi in maniera evidente, se non al 17′ con Roberto Francioni che ha un rimpallo favorevole su una punizione messa in area dalla tre-quarti: il tiro da buona posizione però è ciabattato a lato. Insomma, primo tempo senza sussulti ed abbastanza equilibrato. Il secondo tempo è decisamente più vivace. La prima occasione arriva al 10′ splendido lancio di Ventanni che allarga verso la sinistra per Peluso, che stoppa e dal limite chiama in causa Catarinelli. L’Assisi Subasio non è che sta a guardare e al 15′ a sorpresa passa in vantaggio: punizione dalla destra che arriva fino al secondo palo, dove Stirati addomestica e batte Roani sul primo palo. Il gol incassato suona come una sveglia per il Foligno, che è bravo a impattarla subito. Corre il 21′ quando Gjinaj lavora un ottimo pallone sulla destra, supera un avversario e dal fondo mette al centro, con Peluso che gira verso la porta: palo e gol (1-1). La squadra di Armillei a questo punto è come uno squalo che sente odore di sangue e al 26′ trova il punto del sorpasso. Calcio piazzato dal lato corto dell’area di rigore battuto da Ventanni: palla che filtra e, davanti a Catarinelli, Gjnaj trova la deviazione decisiva (1-2). Il finale è di sofferenza, perchè l’Assisi Subasio si butta avanti con generosità, anche con quattro attaccanti. Ricciolini al 38′ viene innescato in profondità a tu per tu con Roani, che però è provvidenziale di piede. I padroni di casa non ci stanno a perdere, ma alla fine a festeggiare sono i bianco-azzurri, che con questi tre punti danno una bella sterzata al campionato. Forse decisiva.

ASSISI SUBASIO – FOLIGNO 1-2

ASSISI SUBASIO (3-4-1-2): Catarinelli; Pauselli, Lira Ferreira, R. Francioni; Pantaleoni, Cirilli, Marchetti, Pastorelli; Montanucci; Stirati, Castelletti (19′ st Ricciolini).

A disp.: Lillacci, Lucentini, Amici, Filosa, Tallevi, Ortolani, Mizau, Lupetti. All.: Alessandria (squalificato).

FOLIGNO (4-3-1-2): Roani; Pinsaglia, Zanchi, Ciccioli, Pagliarini (38′ st Giabbecucci); Pettinelli, Gorini, Fondi (38′ st Petterini); Ventanni (36′ st Salvucci); Peluso, Gjinaj.

A disp.: Meniconi, Baldoni, Poli, Ramilli, Giannò, E. Francioni.

All.: Armillei.

ARBITRO: Castellano di Nichelino (assistenti: Spena di Perugia – Polidori di Perugia).

MARCATORI: 15′ st Stirati (AS), 21′ st Peluso, 26′ st Gjinaj (F).

NOTE: spettatori 400 circa. Ammoniti: Pauselli (AS), Pinsaglia (F), Ciccioli (F), Pastorelli (AS), Lira Ferreira (AS), Stirati (AS). Angoli: 0-6. Recupero: 0′ pt e 4′ st.



Commenti