Menu sport


Vincere partite del genere, come si dice spesso, vale 6 punti. Una vittoria “da grande squadra”, che sa far sua l’intera posta anche quando la prestazione non è convincente come solito. Antonio Armillei, allenatore del Foligno, sa che moralmente il Castel del Piano avrebbe meritato di più del ko per 1-0, ma è estremamente felice, perché questo blitz può significare tanto a livello morale: «Il pareggio era forse il risultato più giusto: loro meglio nel primo tempo e noi nella ripresa. Sono tre punti pesantissimi su un campo difficile contro una squadra in grande salute. Quello che rispecchia le grandi squadre è il provare a vincere fino alla fine, come abbiamo fatto noi oggi». Una partita difficile in cui il tecnico ha dovuto fare dei cambiamenti anche tattici e lanciare segnali, come l’ingresso di Cascianelli a 15’ dalla fine: «Nell’intervallo ho inserito Salvucci passando al 4-4-2 per dargli maggiori problemi sugli esterni: la situazione è migliorata parecchio. Nel finale ho messo dentro anche Cascianelli perché volevo vincerla. Ringrazio i ragazzi per la loro duttilità e per averci creduto fino all’ultimo». Letteralmente…



Gallery

Foligno corsaro a Castel del Piano, Armillei ammette: “Il pareggio era più giusto, ma ci abbiamo creduto fino alla fine…”
sdr

Commenti



Editore

Associazione Anteprima

Via Nursina, 32 - 06049 Spoleto (PG)

P.IVA 02616290546

kadikoy escort bayan kadikoy escort atasehir escort maltepe escort kartal escort kurtkoy escort pendik escort izmit escort kiralik vidanjor