Menu sport



GABRIELE GRIMALDI – Vittoria convincente, altri tre punti in cascina e allungo in classifica sulle dirette inseguitrici: non poteva esserci inizio di 2019 migliore per il Foligno Calcio di mister Armillei.

Non tutto è stato semplice in questo esordio del 2019, perchè il fortino della Pontevecchio ha creato qualche problema ai falchi: “Bisogna dare merito all’avversario che ha fatto un’ottima partita sopratutto sotto l’aspetto difensivo. Erano messi bene in campo, mentre noi abbiamo trovato delle difficoltà e giravamo la palla troppo lentamente”.

I falchi sono riusciti a prendere le redini del gioco col passare dei minuti: “Dal 30′ del primo tempo abbiamo fatto meglio, con delle giocate in velocità, e abbiamo avuto due occasioni, tra cui una clamorosa con Peluso”.

Il secondo tempo è stato quello decisivo: “Nel momento in cui abbiamo sbloccato la partita è stato tutto più facile. Quando la squadra avversaria si apre noi siamo sempre pericolosi…Sull’1-0 loro dovevano cercare recuperare la partita e si sono sbilanciati“.

Armillei non pensa che i carichi di lavoro invernali abbiano appesantito le gambe dei suoi: “Eravamo lenti a girar palla per la bravura degli avversari, ben chiusi dietro, che ci hanno concesso poco spazio. Sicuramente un po’ ha inciso il fatto che siamo stati fermi 21 giorni…Ci sta di essere un po’ lenti, ma era importante vincere, ci siamo riusciti e andiamo avanti”.

Il pareggio contemporaneo dello Spoleto ha permesso ai falchi di aumentare il distacco a +5: “Dico sempre che bisogna pensare a noi stessi, ma avevamo fatto la bocca sulla loro sconfittae invece ha recuperato una partita complicata dal 2-0 al 2-2. E’ una squadra che non molla e gli vanno fatti i complimenti. Va dato merito anche al Lama che è andato a vincere su un campo difficile come quello del Ducato”.

Il mister è sicuro che i giochi non sono chiusi: “Abbiamo guadagnato due punti sullo Spoleto, ma questo è un campionato che si decide ad Aprile. Alle idi di Maggio? Speriamo di non arrivarci…”.

 



Commenti