Menu sport



GABRIELE GRIMALDI – Un rinforzo, o meglio, una conferma per reparto. Per mantenere l’ossatura della rosa campione di Eccellenza, ripartire da una solida base e affrontare la Serie D al meglio delle possibilità.

Nella terza conferenza stampa dell’estate 2019 i protagonisti sono stati loro: Pinsaglia, Fondi e Peluso, il terzino di grande talento, il centrocampista di sicuro affidamento e l’attaccante supersonico del Foligno Calcio, ripresentati ufficialmente a stampa e tifosi nella mattina di sabato 8 Giugno al Blasone.

A riaccoglierli a braccia aperte è stato Stefano Fabiani, membro del CDA biancoazzurro: “Siamo qui per confermarli. Sono felice di essere in mezzo a tre grandissimi giocatori, sopratutto per la conferma del ‘pungiglione’ Peluso al Foligno. C’è entusiasmo e questo è di buon auspicio per fare un campionato dignitoso, ma a questa città ne servirebbe di più. Sono sicuro che un mister grintoso e deciso come Armillei riuscirà a portarne di più. Io offrirò la mia esperienza e cercherò di trascinare quanta più gente possibile. Ho grande stima per i dirigenti, specialmente per il presidente Tofi. Questo Foligno merita questa dirigenza, capace di far rinascere la società riportandola ad alti livelli. Farò del mio meglio per dare entusiasmo e ‘carburante’ ai ragazzi”.

Il consigliere Stefano Picchetti ha presentato il trio di falchetti: “Sono tre ragazzi importanti per la nostra società. Peluso è il nostro fuoriclasse, Pinsaglia un giovane emergente che ha già fatto un grandissimo campionato, Fondi è una conferma e un gradito ritorno per Foligno. Penso che tecnicamente siano delle colonne importanti per la squadra”.

Bomber Peluso, accolto dall’entusiasmo dei tifosi presenti, è stato il primo a ripresentarsi: “Sono contentissimo di essere qui: vuol dire che l’anno scorso abbiamo fatto un ottimo lavoro, raggiungendo gli obiettivi che ci eravamo prefissati. Ringrazio la società per la fiducia e la serietà che mi dimostrano giorno dopo giorno: al giorno d’oggi non è facile trovare società serie come questa. Ci aspetta un’annata difficile, ma noi siamo il Foligno e, anche da neopromossa, andremo in ogni campo a fare la guerra per toglierci soddisfazioni e portare in alto la maglia”.

Filippo Fondi, da folignate, ha sottolineato il suo grande senso di appartenenza alla città: “Ringrazio il mister e la società per la conferma. Sono felice di essere ancora qui. Quando sono stato chiamato a Dicembre il mio obiettivo era ottenere la riconferma per la prossima stagione: sono felice di averlo raggiunto. Spero che i tifosi ci sostengano ancora di più rispetto all’anno scorso: ne abbiamo maggiormente bisogno, perchè andremo ad affrontare un campionato nazionale. Noi ce la metteremo tutta”.

Leonardo Pinsaglia, il più giovane dai tre, non ha nascosto un pizzico di emozione: “Sono molto contento di fare la mia seconda annata per quesa società, questa maglia e questa città. Ringrazio tutti per la fiducia che la mi hanno dimostrato fin dal primo giorno dello scorso anno. Non vediamo l’ora di cominciare questa stagione: sarà più impegnativa e competitiva rispetto all’Eccellenza, ma questo per noi sarà uno stimolo e una responsabilità in più”.

Il presidente Guido Tofi ha annunciato il tema della prossima conferenza stampa, toccando la questione mercato: “Dalla prossima settimana lanceremo la campagna abbonamenti e da qui capiremo l’empatia del progetto con e sulla città. Ci aspettiamo un segnale importante dalla città entro il mese: spero che contribuisca a tenere in piedi il progetto. E’ fondamentale che Foligno dia un segno, con la condivisione: se tutti mettono poco, possiamo avere la certezza che il progetto arriverà a compimento. Questa è l sfida della nostra società. Fondi, Peluso e Pinsaglia? Hanno fatto la differenza l’anno scorso. Mercato? C’è tempo per gli arrivi… Ci stiamo lavorando: Cuccagna e Armillei hanno un ventaglio di nomi importanti per ogni ruolo. Il primo approccio, purtroppo, è meramente economico, ma noi dobbiamo aspettare e saperci giocare la città, il blasone e la storia del Foligno Calcio. Faremo come per Peluso: ci venderemo la città e la serietà della società. La Juventus è un mese che deve annunciare il suo nuovo allenatore, direi che noi possiamo agire più tranquillamente…”.

 

 



Gallery


Commenti