Menu sport



Ieri sera a Magione l’Atletico Foligno, squadra di calcio a 5 femminile, ha messo in bacheca il primo trofeo della propria storia: la coppa umbra. Il 4-0 sull’Orvieto arriva al termine di un processo di crescita avviato ormai da qualche anno, non solo a livello di prima squadra (che sta anche lottando per il titolo di campione regionale), ma anche di Settore Giovanile, considerato che la società della presidentessa Piorico ha anche una Juniores. A un giorno di distanza dal trionfo la società ha affidato al proprio profilo Facebook le emozioni della vittoria:

Quando abbiamo alzato quella coppa, ieri sera al Palazzetto dello Sport di Magione, eravamo ancora frastornate e confuse. Ci sono servite ventiquattr’ore per riprenderci dalle emozioni e dai festeggiamenti, ma crediamo sia arrivato il momento di dire qualcosa.

L’Atletico Foligno è nato cinque anni fa, nel 2013, da un’idea ambiziosa e forse per alcuni folle: portare in alto il calcio a cinque femminile umbro ed offrire a ragazze di tutte le età la possibilità di formarsi in questo sport bellissimo ma talvolta tenuto ancora in scarsa considerazione. Questo sport, per molti, è ancora solo il fratello minore del ben più noto calcio a undici. Se parliamo di femminile, poi, come sempre, il divario si amplifica.

E non diremo che è stato facile. Siamo partite dal basso e a testa bassa, ognuna cercando di conciliare la propria vita privata con gli impegni calcistici, abbiamo affrontato difficoltà di ogni tipo, ma abbiamo sempre cercato di mantenere testa e cuore focalizzati su quell’obiettivo, di mantenere vive dentro di noi umiltà e onestà, di fare ogni scelta in maniera generosa, altruistica e realmente sportiva, nel senso più ampio possibile. Tre anni fa l’approdo alla FIGC e da allora il privilegio di giocare due finali di Coppa Italia. Se la prima volta abbiamo dovuto dire addio alla vittoria, questa volta – lo sapete – non è andata così.

Quando ieri abbiamo sentito il triplice fischio e ci siamo abbracciate, quindi, tutto il viaggio di questi anni ci è passato davanti come un film. Le rinunce, i sacrifici, gli sforzi e i dolori che a volte questo ha comportato li conoscono, oltre a noi, solo le persone che ci accompagnano, in campo e nella vita, che a volte ci guardano incredule e che non sempre ci comprendono appieno, ma che non per questo smettono di spronarci, supportarci e sostenerci. Proprio a voi diciamo grazie di cuore e vi chiediamo di seguirci ancora per un po’ su questa strada, che di sicuro non sarà sempre lastricata d’oro e successi, ma che questa vittoria ci porta a pensare di nuovo come al cammino necessario per offrire un’opportunità alle tante giovani ragazze per le quali l’amore per il calcio a cinque è grande quanto lo è per noi.

Adesso piano piano scenderà l’adrenalina e verrà il momento di tornare alla normalità.
Se fossiamo solo calciatrici dovremmo chiudere con un: “E ora, testa al campionato!”. Ma siamo anche e soprattutto persone e quel progetto che ci ha fatto iniziare quest’avventura da ieri lo sentiamo un po’ più vicino. Quindi, seppur sottovoce, seppur solo per oggi, vogliamo dirvi: “SIAMO FELICI.”



Commenti