Menu sport



GABRIELE GRIMALDI – Guido Tofi l’aveva annunciato già sabato scorso: “Nella prossima conferenza stampa presenteremo Fondi e forse Peluso”. Il presidente, però, aveva anche evidenziato la possibilità di presentare un altro terzo giocatore da portare alla sala stampa del Blasone, magari un volto nuovo…

Ma così non sarà, perchè oltre al centrocampista folignate e al bomber tarantino, toccherà a Pinsaglia ripresentarsi ufficialmente come falchetto.

Il terzino nato a Narni e cresciuto nelle file delle giovanili della Ternana è stato una delle note più liete della passata stagione in Eccellenza. Pinsaglia, classe 1999, in 27 partite di campionato ha dimostrato la maturità di un veterano, macinando centinaia di chilometri su e giù lungo la fascia destra o sinistra, senza alcuna differenza di rendimento. Praticamente un moto perpetuo che all’ombra del Blasone si è consacrato come uno dei talenti più puri a disposizione di mister Armillei.

Filippo Fondi non aveva bisogno di presentazioni quando lo scorso Dicembre decise di tornare a casa sua dopo alcune stagioni vissute lontano dalla sua patria. Un’ottima metà di campionato nelle file del Sansepolcro (13 partite e 4 gol), poi il ritorno al Foligno Calcio per la terza volta in carriera, in cui ha dimostrato tutto il suo enorme valore tecnico-tattico in campo e tutta la sua personalità fuori. 13 presenze e 5 gol il bottino collezionato in 4 mesi, più alcune prestazioni super in Coppa: impossibile privarsi di uno come lui in Serie D.

E che dire del bomber nato a Taranto? Arrivato a Foligno con grandissime aspettative da parte di tutti, Peluso non ha deluso. Il capocannoniere stagionale dei falchi non solo è stato leader indiscusso anche negli assist decisivi forniti ai compagni, ma grazie ad una serie inquantificabile di giocate di categoria superiore ha trascinato i falchetti alla la conquista del double Eccellenza-Coppa. Peluso era arrivato la scorsa estate come superstar in grado di fare la differenza, e questo ha fatto. Memorabile la sua doppietta all’esordio casalingo contro il Massa Martana, il gol allo scadere a Castel del Piano e la perla all’Ellera.

E la sorpresa di mercato? Non c’è, a meno che Cuccagna e Feliciotti non piazzino il primo colpo in entrata nelle prossime ore. Di spazio, alla sala stampa del Blasone, ce n’è per tutti…



Commenti