Menu sport



Termina con un quarto posto finale il bellissimo torneo disputato dell’under 14 folignate. I ragazzi guidati da coach Marian Neagos affrontano il torneo casalingo con grande coraggio, con l’obiettivo di stupire davanti al pubblico di casa; l’inizio di giornata è subito favorevole ai biancoazzurri. Il primo match, giocato contro gli Sparvieri Rugby, è poco più di una formalità, subito in vantaggio grazie alla meta di Eli, il 13 folignate mette in campo un gioco spumeggiante, ottima circolazione della palla tanto da non permettere ai rivali, di avere il giusto tempo di schierarsi correttamente in difesa. 21-0 il risultato finale e prima vittoria nel girone portata a casa. La seconda partita del girone a sei, mette di fronte ai falchetti, quella che si rivelerà come una delle squadre più competitive, l’Avezzano che ha chiuso al secondo posto finale. Un match molto intenso, rimasto in equilibrio per tutti gli undici minuti complessivi di gioco. Il Foligno resta, anche in questo match, molto aggressivo e riesce per lunghi tratti a chiudere gli abruzzesi nei propri ventidue metri; nel finale, con il punteggio ancora inchiodato sullo 0-0, un buco difensivo del Foligno, permette all’Avezzano di siglare la meta decisiva del match e, con il senno del poi, anche decisiva ai fini del piazzamento finale sul podio. Il terzo incontro di  giornata, mette di fronte il Foligno Rugby al Perugia, nel più classico dei derby; una partita, terminata 28-0, mai in discussione, come si evince anche dal risultato, ottima capacità del Foligno nell’allargare il gioco, con il Perugia in grave difficoltà nel coprire l’intera ampiezza del campo. I padroni di casa riescano per gran parte dell’incontro a garantirsi il possesso della palla. Il quarto e penultimo appuntamento del girone vede i falchetti contro l’Appia. La formazione laziale, sin dalle prime battute, si dimostra come un avversario ostico; un inizio match con molti cambi di fronte, causa di alcune palle perse di troppo di entrambe le squadre. A metà del tempo, arriva la meta decisiva messa a segno da Salvati, una meta che permette alla difesa folignate di esprimersi al meglio, con tre minuti caratterizzati da grinta e durezza mentale nel resistere alla contro offensiva dei laziali. Una vittoria di misura che permette al Foligno di iniziare a credere in un piazzamento di prestigio. L’ultimo atto del girone, contro il Molon Labe, è l’occasione per accedere con certezza alle finali: in caso di vittoria il Foligno deve solo attendere il risultato dell’Avezzano per sapere in quale finale dover giocare. La posta in palio di alto livello, dà forza ai giovani falchetti per giocare una partita di assoluto livello. Subito in vantaggio con Mariotti, che chiuderà il match con due mete, il Foligno è in totale controllo del gioco, con lunghi possessi in attacco, con la capacità di riciclare ottimamente il gioco, in un match dove il sistema difensivo di squadra non viene mai, praticamente, mai chiamato in causa. La meta finale, la terza della partita, messa a segno da Angelucci, regala al Foligno la finale per il terzo e quarto posto. L’atto finale, che mette in palio un piazzamento sul podio, presenta come ostacolo finale, la squadra livornese del Rufus San Vincenzo. Una partita equilibrata per metà: un inizio giocato alla pari ma, dalla prima meta realizzata dal Rufus c’è stato un calo mentale abbastanza netto del Foligno, con il Rufus che chiude la pratica terzo posto con altre due mete in rapida sequenza, 21-0 il risultato finale. Torneo che ha visto trionfare la Lazio rugby Junior, che ha battuto nella finale per il primo posto, l’Avezzano avversario nel girone del Foligno.



Commenti