Menu sport



Una giornata da applausi per Andrea Santarelli. Lo spadista folignate, impegnato nei Mondiali a Budapest, si ferma solo in semifinale al cospetto del beniamino di gara, l’ungherese Gergely Siklosi con il punteggio di 15-9, al termine di un match dove dopo un iniziale vantaggio, l’azzurro è stato rimontato dal magiaro che ha spalancato dinanzi a sè le porte della finale che lo ha incoronato campione del Mondo e vincitore del trofeo “Edoardo Mangiarotti”.

Ai quarti Andrea Santarelli aveva raccolto gli applausi del pubblico ungherese superando per 15-12 il bicampione del Mondo francese, Yannick Borel mostrando tutto il suo talento sulla scena iridata.
“E’ una medaglia che festeggio – ha spiegato l’azzurro in zona mista – perché ho affrontato questa gara individuale senza patemi e senza ansie. Sono a Budapest più per la gara a squadre e l’abbiamo preparata tantissimo. Questo bronzo vale molto sul piano della consapevolezza del mio valore, ma l’obiettivo è qualificarsi a Tokyo2020 con la squadra. Sono un pò amareggiato – ha continuato Santarelli – per come ho affrontato la semifinale. Sono andato in vantaggio ma poi ho subìto l’avversario ed alcune sue stoccate che mi hanno tolto un pò di sicurezza. Ma è un bronzo che vale tanto!”.
Il vice campone europeo a Dusseldorf2019, dopo aver superato all’esordio di giornata il cileno Pablo Nunez per 15-8, ha sconfitto lo statunitense Adam Rodney col punteggio di 15-10 e, a seguire, ha superato 15-9 il francese Alexandre Bardenet nell’assalto degli ottavi di finale, prima di avere ragione del francese Borel ai quarti di finale.

Fonte: Federscherma; Foto Bizzi Team



Commenti