Menu sport



Combatte l’Intervolley Foligno, ma in casa della capolista Fano riesce ad opporre resistenza solo per un set, il primo, vinto. Poi i marchigiani si riassestano e rientrano, pur non brillando, portandosi in vantaggio; senza storia invece il quarto parziale. I bianco-azzurri di Scappaticcio tornano comunque a testa alta.

Formazione confermata in casa Virtus, con Cecato in cabina di regia opposto a Lucconi, Graziani e Tallone in banda, Salgado e Paoloni al centro, Iannelli libero. Foligno risponde con la diagonale palleggiatore-opposto formata da Piumi e Martinez, schiacciatori Valla e Angeli, centrali Merli e Noveski, libero Grillo.
L’equilibrio nel primo parziale si spezza sul 5-3, con la Virtus che cerca di scappare ma si lascia riprendere e sorpassare da un’ottima Foligno, che può addirittura andare a +3 (8-11, out l’attacco di Salgado). Gli ospiti allungano 11-16 grazie ad una Gibam troppo distratta che fatica ad entrare in partita e Merli può firmare il 15-23 dal centro. Martinez regala ai suoi il set point (15-24) e chiude alla seconda chance per il 16-25 Foligno.
Gli ospiti ripartono con la stessa intensità nel secondo parziale e trovano il +2 con Valla dai 9 metri (2-4), ma la Gibam può impattare e sorpassare 6-5, grazie al buon momento dei centrali. Se il nuovo turno al servizio di Valla permette a Foligno di sorpassare 10-11, è ancora quello di Paoloni a riportare avanti la Virtus (15-12). Lucconi sigla l’ace del 17-13, ma il massimo vantaggio Virtus arriva grazie a due errori ospiti, che portano i padroni di casa avanti 22-15. E’ ancora un errore degli umbri a chiudere il parziale: Martinez sbaglia il servizio e fissa il punteggio sul 25-17.
Il terzo set si apre nel segno di Lucconi, che si carica l’attacco sulle spalle e sigla l’8-4 Virtus e l’allungo 11-6 da seconda linea. Valla a muro accorcia le distanze (11-8) e Martinez riporta Foligno a contatto (12-11, ace dell’opposto). La Gibam soffre in ricezione ma è ancora una volta sul turno in battuta di Paoloni che i padroni di casa riescono a scavare il solco e a tornare in vantaggio di 5 (19-14, poderoso l’attacco di Lucconi). Martinez firma il 21-19 ma Lucconi trova la palla set sul 24-20, si chiude come nel secondo set con un errore al servizio ospite, per il 25-22 Gibam.
Lucconi si conferma mattatore del match anche nel quarto parziale, nel quale sigla il 5-2 a muro e l’allungo (11-4) con un attacco nel metro e mezzo. Foligno fatica a recuperare il bandolo della matassa e la Virtus può andare a +11 (15-4), grazie a Paoloni, che corona con l’ace un match ottimo in questo fondamentale. Nel finale è Mandoloni a trovare l’ace del 20-8, in un momento in cui alla Virtus sembra riuscire proprio tutto. Il parziale termina per il 25-9 dei padroni di casa.

Gibam Fano – Integra Edotto Foligno 3-1

Gibam Fano: Cecato 1, Tallone 6, Lucconi 26, Graziani 9, Paoloni 6, Salgado 14, Iannelli (L1), Fellini, Mancinelli 1, Mandoloni 1, Mazzanti 1, Giorgi, Pietropoli (L2). All. Radici
Integra Edotto Foligno: Noveski 3, Martinez 21, Merli 7, Pacelli, Angeli 6, Valla 7, Grillo (L1), Agostini, Piumi. N.e.: Mancini, Lai, Cacciatore, Pani, Zaimi (L2). All. Scappaticcio
Parziali: 16-25 (20′), 25-17 (22′), 25-22 (27′), 25-9 (18′)
Arbitri: Cerigioni-Casciato
Note: Gibam bs 17, ace 3, muri 5. Foligno bs 12, ace 6, muri 5



Commenti